LA NOSTRA AZIENDA

Una terra, una storia

La grande vocazione alla vite e all’olivo fanno di questa terra un “hortus conci usus”, un giardino meraviglioso conosciuto e stimato da papi e da re.

E i suoi frutti ricercati sono apprezzati oggi come allora.

Percezione profonda di un richiamo lontano. Gli Etruschi, la loro grande tradizione, l’innata eleganza di un popolo che ama l’arte, il piacere.

E il ‘500, le sue corti, l’aristocratica bellezza di un territorio straordinario, generoso con chi lo ama, lo rispetta, lo custodisce quale prezioso tesoro.

Corte alla Flora

Da oltre venti anni la nostra azienda lavora con pazienza alla selezione dei terreni migliori, scegliendo con amore i vitigni e gli olivi, curandoli con passione, assecondando la natura e i suoi tempi lenti. Con una costanza che solo un profondo rispetto per la tradizione può spiegare.

Terreni argillosi, calcarei, che donano vini dotati di uno straordinario equilibrio di tannini e di profumi.

Nell’area di Cervognano35 ettari scelti su 90 di proprietà nel cuore della zona del Disciplinare -coltiviamo il tradizionale Prugnolo Gentile, insieme ad altre varietà a bacca rossa che qui si esprimono appieno: Merlot, Syrah, cabernet Sauvignon, cabernet Frane, Petit Vertot.

Stiamo inoltre sperimentando una varietà autoctona: il Pugnitello.

Tecniche nuove Antica sapienza

Gli impianti a cordone speronato con potatura corta, frutto di tecniche moderne ma anche di antica cultura, offrono qui la loro resa migliore.

5200 ceppi per ettaro, diradamento e raccolta manuale, produzione massima di 60 quintali per ettaro: è la nostra idea di qualità.

Tecniche di produzione

La grande bellezza di questi luoghi ci ha poi spinti verso soluzioni nuove, non invasive per il territorio.

La vinificazione e l’affinamento avvengono dunque in locali interrati, di nuovissima concezione, dove si uniscono il grande rispetto per la materia prima e per la terra che ne è origine.

La macerazione si realizza con rimontaggi automatici per 15-30 giorni sotto stretto controllo analitico. Alla svinatura segue una leggera pressatura ed il vino ottenuto svolge la fermentazione malo lattica in cisterna a 20°c.

Nel mese di Dicembre awiene l’entonnage e l’inizio dell’affinamento in legno utilizzando botti da 50 HL e barriques da 225 L.

Seguiamo anche, con estremo interesse, la sperimentazione sui vitigni internazionali.

Lo sguardo volge ad un Supertuscan e ad una linea di vini monovarietali – Merlot, Syrah e Cabernet Sauvignon – giusta valorizzazione del territorio e delle sue straordinarie capacità.

Le vinacce, provenienti dai vinificatori dove hanno fermentato le uve destinate al Vino Nobile di Montepulciano riserva, immediatamente dopo la pressatura soffice con presse pneumatiche vengono sistemate all’interno di appositi sacchi, avendo cura di eliminare l’ossigeno. Una volta conferite al distillatore le vinacce vengono sottoposte a distillazione continua ed in seguito la grappa viene affinata per 18 mesi in legno.

Curiamo infine con identica passione i nostri olivi, le cui olive vengono raccolte a mano agli inizi di novembre e frante nel giro di poche ore, regalando un extravergine a bassissima acidità dalle note fruttate, delicato e profumato.